“La mia Brexit” il 13 Marzo in libreria

Il 13 Marzo esce in libreria “La mia Brexit”, edito da Bompiani. Sono molto emozionato non solo perché è il mio primo libro (peraltro per una casa editrice assai prestigiosa), ma anche perché è un racconto personale sulle ragioni che portano un essere umano a diventare un comico e su quelle che lo spingono a partire all’estero per farlo in inglese. Spero davvero vi piaccia.

Dalla copertina:

Francesco ha un sogno: diventare una star della comicità. Però in Italia, tra meste serate in provincia e qualche apparizione televisiva, la sua carriera non decolla. Così traduce i suoi monologhi in inglese, fa le valigie e parte per Londra, capitale europea della stand-up comedy. È il giugno 2016 e proprio quando lui decide di lasciare l’Italia per la Gran Bretagna, la Gran Bretagna decide di lasciare l’Unione europea e sull’immigrazione lancia al mondo un messaggio piuttosto chiaro. Se Francesco vuole sfondare deve farlo in fretta, perché presto o tardi potrebbe essere costretto a tornare indietro. Inizia così un viaggio alla scoperta della società inglese e della sua nuova condizione di straniero, in una giostra di alti e bassi: la frustrante gavetta nei comedy club, la nostalgia di casa e delle tende alle finestre, la solitudine combattuta su Tinder, la difficile relazione con un popolo che salta la cena per ubriacarsi di più, la maratona al Fringe festival di Edimburgo, e poi i primi successi, gli spettacoli al Comedy Store, il sold out al Soho Theatre, il debutto sulla bbc. Il viaggio di Francesco l’ha portato lontano, ma anche sorprendentemente vicino: perché è anche vedendosi da fuori che ci si guarda dentro, ed è provando a scordarsi dell’Italia che ci si scopre italiani.

ENGLISH TRANSLATION >>

SHARE THIS

Il mio primo libro!

Posso finalmente annunciare che sto scrivendo il mio primo libro, uscirà a primavera e sarà edito da Bompiani.
Racconterò i motivi per cui nella vita si decide di fare il comico e quelli che ti fanno partire all’estero, per farlo in Inglese.
Parlerà di Stand up comedy e carbonara, ambizioni e sogni di gloria, alcol, malinconia e soprattutto Brexit, visto che i negoziati stanno giungendo al termine.
A breve pubblicherò aggiornamenti vari, ma per ora wish me luck!

SHARE THIS

Data Comedy Show su Raiplay

Su Raiplay è finalmente disponibile la puntata speciale di Data Comedy Show, il primo programma che dà i numeri (veri). A giocare con i Big Data ci sono Edoardo Ferrario, Annalisa Arione, Chiara Galeazzi e Valerio Lundini. Presento io, con la complicità del datista Francesco Lancia.

Check it out! www.bit.ly/datacomedyshow

SHARE THIS

SOHO THEATRE, LONDRA

Sono molto felice di annunciare che il 17-18-19 Maggio porterò il mio spettacolo “Comfort Zone” al Soho Theatre di Londra. Sarà una tre giorni fantastica, è un sogno che si realizza.
Chi ha visto “Tutta colpa della Brexit” su Rai Tre sa quanto sia importante.
Qui trovate il comunicato stampa: http://francescodecarlo.co.uk/live-at-the-soho-theatre-london/
Qui le info per acquistare i biglietti: https://sohotheatre.com/shows/francesco-de-carlo-comfort-zone/

Show: Francesco De Carlo: Comfort Zone
Venue: Soho Theatre
Dates: 17th -19th May
Time: 8:45pm

SHARE THIS

Tutta colpa della Brexit

Dal 14 dicembre, tutti i giovedì in seconda serata, arriva su Rai 3Tutta colpa della Brexit”, il diario di un comico italiano Londra. Il programma di 4 puntate prodotto da Verve Media Company è il racconto reale e diretto della vita di Francesco De Carlo, nel Regno Unito tra ottobre 2016 e dicembre 2017, in pieno dibattito sulla Brexit appena votata. Dopo camerieri, cuochi, esperti di finanza e artisti di ogni sorta, Francesco è il primo comico italiano che si costruisce una carriera a Londra esibendosi in inglese. Ma deve fare presto, perché in meno di due anni sarà forse costretto a tornare in Italia. Quando tutti se ne vanno, arriva lui.

Francesco ci racconterà, con un approccio curioso e leggero, la difficile gavetta nei comedy club della capitale britannica, l’esibizione al Fringe Festival di Edimburgo, fino alla partecipazione in prima serata sulla BBC.

Ma ci parlerà anche della realtà londinese e britannica vista attraverso i suoi occhi e vissuta sulla propria pelle: dalla nostalgia di casa alle difficoltà relazionali con un popolo “decisamente freddo”, dai primi appuntamenti con le ragazze del luogo agli Italiani a Londra. E ancora, tra differenze o insospettabili analogie, riflessioni su cucina, alcol, religione, sesso, arte, musica, comicità, politica e tanto altro.

Tutta colpa della Brexit è il diario a puntate della mia vita a Londra, in cui racconto tutto quello che succede a un comico italiano che lascia il suo paese per tentare di sfondare nella patria della comicità dove i comici diventano delle vere e proprie star, riempiono i palinsesti televisivi, gli scaffali dei negozi, locali storici e teatri immensi.

Un sogno che inseguo da diversi anni e che metto in pratica proprio mentre il Regno Unito si prepara a lasciare l’Unione Europea.
Da una parte ci saranno le difficoltà quotidiane di un Italiano che prova ad adattarsi alla società inglese e affronta i problemi che molti connazionali conoscono bene, dalle differenze culturali e insospettabili analogie, le riflessioni su cucina, alcol, religione, sesso, arte, musica, teatro, politica e tanto altro. Dall’altra la fatica di fare carriera in una città con 5000 comici.

Con il mio inglese scolastico, riparto da zero, dai locali di periferia con poco pubblico e piano piano riesco ad arrivare a coronare il mio sogno: debuttare sulla BBC.
E’ un’occasione per gettare una luce sulla vita del comico, sulla sua solitudine, sulla sua ansia e sulla sua insoddisfazione perenne. Un racconto reale, anche troppo, visto che, per esempio, ho filmato anche un mio primo appuntamento con una ragazza che vive a Londra.

Sullo sfondo la Brexit, un momento storico fondamentale che ho cercato di raccontare incontrando inglesi e stranieri come me, Italiani a Londra e gente da tutto il pianeta per capire il senso profondo di un evento storico che sta condizionando il mondo e in particolare la mia vita.”

FRANCESCO DE CARLO

SHARE THIS